Benvenuti nel wiki-programma !

 

Sotto, scorrendo questa pagina, troverai una serie di idee che sono state esposte nel documento " Liberi dall'Emergenza, Idee per la Rinascita dell'Italia" che andranno a costituire uno dei 4 manifesti finali del documento programmatico per le primarie costruito con il contributo della base, elettori, simpatizzanti, militanti. 

In questa pagina si costruisce il manifesto su "DIRITTI E DEMOCRAZIA".

Dei quattro manifesti che sono parte del programma (Europa e democrazia; Sviluppo, sostenibilità ed energia; Economia e giustizia sociale; Diritti e democrazia), l’ultimo sta riscuotendo un interesse particolare e l’intenzione, con il concorso di tutti i partecipanti, è di trasformarlo in una vera Carta dei Diritti: i cittadini non solo potranno suggerire idee e proposte per attuare i diritti già compresi e tutelati dalla Costituzione italiana, ma anche segnalare i “nuovi diritti” negati, che la società contemporanea fa emergere, come determinati diritti legati alla sfera personale o il “diritto alla Rete” che molti Stati hanno introdotto di recente nelle loro costituzioni.

Comunicato stampa: 

costruiamo con la base la nuova Carta dei diritti

 

Continua sulla Rete «Liberi dall'emergenza, al servizio del futuro», la consultazione di elettori e simpatizzanti del centrosinistra promossa nei giorni scorsi da «Insieme per il Pd», per far partecipare direttamente la base alla costruzione di un programma per i progressisti in vista delle primarie.

Dei quattro manifesti che sono parte del programma (Europa e democrazia; Sviluppo, sostenibilità ed energia; Economia e giustizia sociale; Diritti e democrazia), l’ultimo sta riscuotendo un interesse particolare e l’intenzione, con il concorso di tutti i partecipanti, è di trasformarlo in una vera carta dei diritti: i cittadini non solo potranno suggerire idee e proposte per attuare i diritti già compresi e tutelati dalla Costituzione italiana, ma anche segnalare i “nuovi diritti” che la società contemporanea fa emergere, come determinati diritti legati alla sfera personale o il “diritto alla Rete” che molti Stati hanno introdotto di recente nelle loro costituzioni.

La serietà e forza di questo processo partecipato e costruttivo sarà assicurato dalla supervisione di Marilisa D’Amico, professore ordinario di diritto costituzionale all’università Statale di Milano, da tempo impegnata nello studio e nella difesa dei diritti: attualmente presiede la commissione affari istituzionali del consiglio comunale di Milano che di recente ha istituito il registro unioni civili per le coppie dello stesso comune.

«Insieme per il Pd» e la D’Amico hanno già lavorato in passato ad un progetto di politica partecipata che ha suscitato grande interesse e consenso, «Impariamo la Costituzione»: i primi 12 articoli della Carta, che contengono i principi fondamentali alla base della Repubblica italiana, sono stati spiegati da commenti affidati a giovani studenti universitari, i quali hanno analizzato quelle disposizioni con sguardo contemporaneo, calandoli appieno nella realtà quotidiana. Quei commenti sono stati diffusi sulla rete mediante Facebook e la pagina dedicata ha raggiunto in poco tempo centinaia di fans, aiutando a far conoscere la Costituzione e i suoi principi profondamente attuali.

 

 

Se sei interessato a costruire la Carta dei Diritti puoi contribuire con due modalità:

1) con una nuova idea  ancora non presente sotto ( primo livello), postandola nello spazio risposta subito sotto questa finestra. Metti un titolo alla tua idea. 

2) Puoi invece proporre variazioni, aggiunte e , soprattutto, proposte operative, anche legislative alle idee già postate. Per fare questo posta il tuo contributo sotto ciascuna idea nella finestra che si apre cliccando su "rispondi" sotto l'idea da te prescelta (secondo livello). Puoi anche proporre variazioni di terzo, quarto, etc etc livello, rispondendo sotto ciascun contributo a cui ritieni di aggiungere qualcosa.

 

Puoi aggiungere links, fotografie, files e video.

Prima di postare i tuoi contributi leggi il preambolo ai manifesti qui in modo che i tuoi contributi seguano la filosofia del documento programmatico

 

Leggi e partecipa alla costruzione degli altri manifesti programmatici:

-Europa e Democrazia

-Sviluppo, Sostenibilità ed Energia

-Economia e Giustizia Sociale

 

 

 

Visualizzazioni: 1104

Rispondi

Risposte a questa discussione

Valore dei diritti
Prioritari sono i diritti, tanto sociali quanto civili. Assurdo metterli in contrapposizione; assurdo
stilare una gerarchia. Di certo, quelle società che hanno un tenore di diritti più alto vivono meglio e sono anche più ricche dal punto di vista economico. Ancora troppe, però, sono le disparità di riconoscimento dei diritti

in Europa. Il modello sociale europeo con la crisi rischia di polverizzarsi, mandando in frantumi
decenni di lotte e conquiste. Il Pd, locomotiva delle forze riformatrici del continente, vuole essere quel partito che garantisce ad ogni persona giustizia, solidarietà, piena cittadinanza e libertà di scelta. Dobbiamo diventare la forza di emancipazione della persona, di lotta nei confronti di una disuguaglianza annidata nei tanti e diversi angoli di una società ormai oltremodo complessa.
Purtroppo, la politica italiana dà l'idea di mettere in secondo piano le battaglie che renderebbero più civile il paese. La società sta avanti e la politica resta indietro.

Scusate il fuori tema, ma è un fenomeno per me indigesto: "persona umana" (qui sopra).

"persona" senza aggettivi è per me un essere umano.

"persona" con l'aggettivo "giuridica" è per me un ente creato, partecipato e gestito da persone.

Non conosco persona cane,

non conosco persona gatto,

non conosco persona grillo (porcaccio! una persona grillo la conosco!)

Vogliamo correggere la frase? (diciamolo pure a Di Pietro).

Fatto

Un catalogo da aggiornare: Testamento biologico
La società italiana ha dimostrato di essere matura e pronta a certi cambiamenti a cui resiste invece una politica a tratti vischiosamente retrograda. Gli italiani sono pronti e maturi per il testamento
biologico

Abbiamo assolutamente bisogno di una regolamentazione del testamento biologico, che non consenta più a nessuno di parlare di "omicidio" in un caso simile a quello di Eluana Englaro. Non si tratterebbe di introdurre l'eutanasia nel nostro ordinamento, ma di tutelare il diritto sacrosanto di ciascuno a decidere, in piena scienza e coscienza, se e in quale misura rifiutare l'accanimento terapeutico, sollevando nel contempo i medici da responsabilità qualora abbiano attuato le direttive del paziente.

L'uomo non deve essere schiavo delle macchine che egli stesso ha creato. Uno stato veramente solidale sa piegarsi verso la sofferenza dei cittadini fornendo ad essi ed agli operatori sanitari strumenti giuridici CHIARI ED UNIVOCI. Il cittadino deve poter esprimere il consenso o il dissenso alle terapie PRIMA che la malattia lo conduca verso una condizione di necessità di cure intensive. Prospettare per ciascun malato un percorso di assistenza completo e incentrato sul principio di autodeterminazione eviterebbe il ricorso alla medicina difensiva e al prolungamento afinalistico delle cure. Occorre ricondurre la scienza medica alla cura del malato e non solo della malattia. E' necessario dotare il cittadino di uno strumento giuridico che possa permanere valido nel tempo e che possa, nei limiti delle singole situazioni di sofferenza, fornire un quadro chiaro e definitivo delle scelte del malato. 

Contestualmente, nell'ottica di una politica di promozione e salvaguardia della dignità della vita umana, occorre legiferare ancora in materia di donazione degli organi, proponendo una sottoscrizione capillare di una volontà scritta specifica al riguardo. Non si deve aver paura di parlare di solidarietà in vita, qualora essa venga improvvisamente meno.

Il testamento biologico rappresenta una conquista di civiltà imprescindibile. La politica deve occuparsi anche di coloro che non entrano nella cabina elettorale e di quanti assistono nel silenzio la sofferenza di un proprio caro. La scelta di non astenersi da terapie futili e potenzialmente dannose rappresenta un cardine della medicina moderna. Tanto più la scienza ci consentirà di curare meglio i malati, tanto più i confini della sua ingerenza nella dignità della vita umana dovranno essere definiti.

Un catalogo da aggiornare: Procreazione assistita

Credo che le coppie prima di accedere vanno vagliate con uno screening molto serio. Una volta che tutti i parametri della salute fisica e psichica sono stati vagliati credo che si debba permettere di ottenere tutti gli embrioni possibili per poi congelarli, permettere anche l'eterologa magari con gli embrioni soprannumerari donati

permettere ricerca staminali embrionali

Un catalogo da aggiornare: Riforma diritto di famiglia

Sono pronti e maturi per una riforma profonda del diritto di famiglia, che dia un vero riconoscimento giuridico delle coppie di fatto (che hanno nel 2012 superato nei numeri le coppie unite in matrimonio) e riconosca parità di diritti e doveri alle Unioni omosessuali, formazioni sociali da tutelare in base alla nostra Costituzione.

 

E' impellente avviare un percorso per l'ammodernamento dell'istituto matrimoniale, al fine di ovviare alle problematiche che l'attuale forma rischia di mantenere inalterate. Divorzi più veloci con minori costi e meno burocrazia, anche per tutelare le donne spesso vittime di stalking ed equiparazione dei diritti di coppia per tutte le forme di unione civile.

E aggiungerei anche maggiori tutele per i padri troppo spesso costretti dalle leggi attuali a non veder crescere i propri figli a seguito di separazioni/divorzi

RSS

Circolo online del Partito Democratico nazionale

Attività Recenti

Icona profiloSebastiano Grasso e Vincenzo Galletta si sono uniti a Insieme per Campodem-PD
16 Giu
Icona profiloTatiana Giordano, Alberto Colombelli e Claudio si sono uniti a Insieme per Campodem-PD
23 Mag 2017
Maria Laura Moretti è ora membro di Insieme per Campodem-PD
7 Ott 2016
Insieme per campodem-PD ha lasciato un commento su Stefano
"benvenuto"
3 Ott 2016
Icona profiloagostino ottavi e Stefano si sono uniti a Insieme per Campodem-PD
3 Ott 2016
Alessandro Cavaglia' è ora membro di Insieme per Campodem-PD
1 Ott 2016
Insieme per campodem-PD ha lasciato un commento su Alberto Gaffi
"Benvenuto!"
30 Set 2016
Icona profiloAlberto Gaffi e Carlotta Gualco si sono uniti a Insieme per Campodem-PD
30 Set 2016

Note di Sandro Gozi

© 2020   Creato da Insieme per campodem-PD.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio